Agents of Mayhem - Recensione e Gameplay
Agents of Mayhem - Recensione e Gameplay

Gli autori di Saint Row tornano con un nuovo spumeggiante videogame. La recensione di Agents of Mayhem.

Agents of Mayhem o meglio “come vivere felici sparando a tutto ciò che si muove” è uno dei titoli che più attendevo di questo fine 2017. Tutto questo hype era causato da due motivi, il primo era che aspettavo da tanto un “seguito” di Saints Row e il secondo è il mio amore per i TPS (Third-Person Shooter).

Volition ha centrato in pieno il bersaglio, sarà per la semplicità della sua curva di apprendimento, oppure per la bellezza dell’ambiente o per il gameplay costantemente frenetico, ma questo titolo risulta vincente, affascinante ed a tratti superiore alla media.

Agents of Mayhem – gaemplay
Agents of Mayhem – gaemplay

Il gioco è ambientato nell’universo di Saints Row e la trama è una tra le più semplici. Un gruppo di dodici personaggi appartenenti al M.A.Y.H.E.M. (Multinational Agency Hunting Evil Masterminds) si troverà costretto ad affrontare, tra molti colpi di scena, il Dr.Babylon e il suo vasto gruppo di scagnozzi appartenenti al L.E.G.I.O.N. (the League of Evil Gentlemen Intent on Obliterating Nations). Inizialmente la storia potrebbe sembrare scontata ma non è assolutamente così, infatti l’intrecciarsi di storie secondarie e primarie renderà tutta la durata del gameplay più che avvincente e mai noioso.

Per ciò che concerne il gameplay non vi è nulla da eccepire, il titolo soddisfa a pieno le caratteristiche del classico TPS. La semplicità dei comandi, una vasta scelta di personaggi e quindici difficoltà selezionabili fanno del gioco una delle opere più divertenti di questo 2017. Il titolo farà forza sulla voglia del giocatore di arrivare ad avere qualsiasi arma, upgrade e mezzo disponibile e sbloccabile tramite i mercanti presenti nell’ARK. I personaggi sono tutti differenti fra loro e dunque sarà più che fondamentale utilizzarli in maniera efficace per poter superare le missioni senza troppe difficoltà, inoltre è vincente la scelta di costringere l’utente a sbloccare i personaggi e non assegnarglieli tutti fin dall’inizio.

Guarda il nostro gameplay si Agents of Mayhem:

Graficamente il titolo risulta più che soddisfacente e ricorda un perfetto mix tra lo stile esagerato di Borderlands e l’ordine dell’interfaccia a cui Overwatch ci ha abituati. Sia le ombre, che i dettagli degli oggetti sono realizzati magistralmente. Quando vi ritroverete sull’ARK, ovvero il quartiere generale dei M.A.Y.H.E.M., vi sembrerà davvero di essere in un centro operativo futuristico e colorato al quale solo Saints Row ci ha abituato. Rarissimi i bug o glitch che potrebbero disturbare l’esperienza di gioco. Molto belli e coinvolgenti anche gli intermezzi video stile “cartoon”, presenti sia nella storyline principale che nella presentazione di ogni personaggio.

Agents of Mayhem – gameplay
Agents of Mayhem – gameplay

Il comparto audio è ben arrangiato anche se con tutte le esplosioni presenti, avrei preferito una gamma di suoni più ampia e delle canzoni che rimandassero agli anni ’80, in quanto il titolo gioca ampiamente con il citazionismo, nella maggior parte dei casi proveniente da serie tv come “Supercar” e “A-Team”.

Agents of Mayhem è un TPS più che apprezzabile e molto coinvolgente. Finalmente si ritorna a giocare coi Saints, finalmente si torna “ignoranti”.

RASSEGNA PANORAMICA
Giudizio
CONDIVIDI