Gemini Man – Recensione

Gemini Man - Recensione
Gemini Man - Recensione

Will Smith si confronta con il suo clone in uno sci-fi dall’aspetto rivoluzionario diretto da Ang Lee. La recensione di Gemini man

Il sicario in pensione Henry Brogan (Will Smith) è costretto a fuggire da un giovane agente altamente specializzato che non si fermerà davanti a nulla pur di eliminare il suo obiettivo. Si mette in scena un gioco al gatto e topo con un’interessante svolta sul fronte degli effetti visivi: l’antagonista che gli darà la caccia è la sua controparte giovanile, di 25 anni più piccolo del protagonista. Henry dovrà superare in astuzia il misterioso assassino che utilizza le sue stesse modalità di combattimento e tattiche difensive. Uno spunto di trama ben congegnato che soffre di un calo di ritmo tra una sequenza d’azione e un inseguimento a perdifiato in location lussureggianti.

Il padrone della scena è senza dubbio Will Smith, a suo agio nell’interpretare il doppio ruolo di cacciatore e preda; con l’avanzare del racconto, gli occhi sono puntati esclusivamente su una tra le celebrità più carismatiche di Hollywood. Seguiamo le sue tracce e ci confronteremo con una paura esistenziale che alimenta il conflitto interiore del sicario al termine del suo impiego. Dopo aver passato gran parte della sua vita ad accumulare bersagli eliminati dalla distanza, Henry si deve confrontare con una versione di sé più sfrontata, impavida e senza paura. L’intervento della Weta Digital, con il ringiovanimento dell’interprete principale, è un vero tocco di classe che splende in una pellicola dall’andamento non perfettamente impostato.

Osservare un protagonista che cerca di non farsi uccidere dalla sua stessa ombra – nel vero senso della parola – è un’idea potenzialmente vincente per un film fantascientifico dai risvolti elettrizzanti. Tuttavia si incontrano non poche difficoltà con una vetrina sfocata di comprimari che non offrono performance soddisfacenti. Da Mary Elisabeth Winstead a Benedict Wong, fino a scontrarci con il burattinaio che muove i fili di questa spietata caccia all’uomo: Clive Owen. Ogni personalità messa in secondo piano non ci rende partecipi di un racconto che poteva – e doveva assolutamente – mantenersi avvincente per tutti i suoi 117 minuti di durata. Un’occasione sprecata, visto e considerato che la computer grafica impiegata rappresenta un notevole passo in avanti sul fronte delle interazioni fra attore in carne e ossa e controparti digitali.

L’edizione blu-ray di Gemini Man lascia davvero il segno

Distribuito dalla Paramount Pictures, Gemini Man si presenta con un’edizione blu-ray davvero degno di nota. In entrambi i lati della custodia steelbook che abbiamo in possesso, vengono messi in evidenza le due versioni di Will Smith: il sicario Henry Brogan e il suo clone ringiovanito. Immagini che appaiono vivide nella nostra mente perché rappresentano certamente il cuore pulsante del film diretto da Ang Lee. Al suo interno, troviamo un disco contenente sia il film che i contenuti extra.

L’aspetto più invitante di questa edizione è una vasta selezione di dietro le quinte sostanziose e appaganti: in esse troviamo la genesi di Gemini Man, uno sguardo approfondito sull’ideazione di effetti visivi rivoluzionari, l’approccio registico nelle intense sequenze d’azione e il sopralluogo delle suggestive ambientazioni del film, in particolar modo i tratti peculiari delle città di Cartagena, in Colombia, e Budapest. Dalla durata di oltre un’ora, i retroscena ci offrono anche ulteriori interpretazioni sulla tematica chiave di Gemini Man; assistiamo al processo di lavorazione in mano ad un regista molto sensibile come Ang Lee, intento a prendersi cura della star del momento, Will Smith.

Come comparto audio – video, Gemini Man vanta di una pulizia dell’immagine sopraffina, con un girato in 4K nativo che appaga i nostri sensi. Il formato 1,85:1 è perfetto per godersi le numerose location e l’inseguimento in moto fra i due sicari per le strade di Cartagena. Non possiamo nascondervi l’entusiasmo di fronte alle sequenze più movimentate del film con una regia che evita stacchi repentini e valorizza i campi larghi durante l’azione. A completare il quadro visivo, un audio Dolby Atmos – anche in lingua italiana – encomiabile. Una vera edizione coi fiocchi vi attende per essere posizionata sui vostri scaffali. Fortemente approvata.

Titolo: Gemini Man
Titolo originale: Gemini Man
Regia: Ang Lee
Attori: Will Smith, Clive Owen, Mary Elisabeth Winstead
Genere: Azione, fantascienza
Durata: 117 minuti
Anno: 2019
Paese: Usa, Colombia, Ungheria