Il Trono di Spade 7×05 - Le Pagelle
Il Trono di Spade 7×05 - Le Pagelle

Eastwatch, il quinto episodio della settima stagione di Game of Thrones parte male. Jamie che caduto in un fiumiciattolo grande quanto una piscina gonfiabile da 9 euro, avevamo lasciato sprofondare, una settimana fa nella più profonda fossa oceanica, che ti aspetti che da un momento all’altro, spunti Jason Momoa aka Khal Drogo nei panni di Aquaman e lo spinga sempre più giù. Riemerge salvato da Bronn, a due chilometri da dove era successo il fattaccio. All’improbabile salvataggio si aggiunge l’improbabile dialogo tra i due. Daenerys gli ha fatto il culo facilmente: “ha altri due draghi” dice Jamie dimostrando quasi ammirazione, ma per fortuna lui ha Bronn polmone d’acciaio. “se arrivano i draghi il nostro accordo si conclude” insomma, so eroe ma t’attacchi.

Voto 2 al salvataggio

Dall’altra parte del fiume, mentre Tyrion cammina in una Pompei post eruzione, Daenerys sta facendo il comizio elettorale. La scelta è inginocchiarsi – da quando Jon si è rifiutato l’ha presa proprio male e mo si devono inginocchiare tutti – oppure essere grigliati senza rosmarino. Dopo un primo momento di riluttanza Drogon accenna un ruggito e la metà degli uomini si inginocchia, alcuni per paura altri storditi dall’alito al sapore di Lannister del simpatico animaletto. Tra quelli in piedi ci sono Randyll Tarly e il figlio Dick perché loro so fedeli. Ma Tyrion gli ricorda che mezz’ora fa erano fedeli ai Tyrell e poi li hanno traditi alla prima promessa. Ma Randyll non ne vuole sapere di inginocchiarsi e nemmeno di aderire alla proposta fatta dal folletto e accolta con un’amara espressione da Daenerys di mandarlo alla barriera e fargli prendere il nero. Pure Dickon, che una volta morto il padre, sarebbe l’unico erede di Casa Tarly – perché Sam, in realtà, avendo prestato giuramento ai Guardiani della Notte, e non essendo morto come Jon “non possiederà terre” e quindi o intesta tutto a Gilly oppure ciccia – decide di andare incontro al suo destino, e di non favorire questa Regina che ha portato qui i Dothraki per rubarci il lavoro. Quindi arrosticini e tutti giù per terra. Oltre alla facile ironia, è comprensibile la posizione di Daenerys, che a differenza di quanto fatto dai Lannister per i Tyrell, ha offerto loro una scelta. Difficile, si. O mi segui o muori, ma in fondo, siamo in guerra, ecchecazzo.

Voto 7 a Daenerys che pur diventando sempre più spietata abbozza ai consigli del folletto
Voto 5 a Tyrion che pare avere dubbi e rimorsi
Voto 2 alla fedeltà a giorni alterni di Casa Tarly (e ora le piogge cadono nelle loro stanze) o quasi

Nella settima stagione le distanze quasi si annullano, e Jamie è già ad Approdo del Re. Corre subito da Cersei che con quei capelli potrebbe fare il protagonista nei remake dei film di Nino D’Angelo e le fa: “Ci hanno fatto il culo” e lei: “la prossima volta portami con te” più o meno così. Ma Cersei non si dispera, hanno l’oro dei Tyrell possono comprare i mercenari, le navi e completare addirittura l’album dei calciatori Panini. Ma Jamie sa che questa guerra non si può vincere sul campo di battaglia, perché i Dothraki farebbero colazione con le carni di qualunque mercenario cotte o non con il fuoco dei draghi. Qui arriva il momento epico. “Proponiamole una tregua” fa Jamie, e Cersei: “ma cosa potremmo offrirle, sta vincendo” Jamie: “parlerò con Tyrion” Lei: “ma lui ha ucciso nostro figlio” TADAAA “non è stato Tyrion, ma Olenna”. Mi farei stampare un poster con la faccia che ha fatto Cersei, che ha recuperato tutta la cirrosi epatica che non le era venuta in anni di bevute.

Voto 10 a Olenna Tyrell per la vittoria postuma

Daenerys è già a Roccia del Drago, atterra e Drogon fa assaporare il suo alito anche a Jon, che stavolta si caga addosso un po’ meno della prima volta, e preso il coraggio a due mani, che fa? Lo accarezza! Cioè Drogon è il più giocherellone dei tre, un paio di volte stava per mangiarsi pure Daenerys, e lui si fa annusare la mano e lo accarezza come fosse un bagle. Daenerys è un misto di stupore, eccitazione e gelosia che quasi gli scappava un dracarys. Questi non sono bestie, sono i miei figli. Ma prima che Jon riesca a dirle “bionda, forse hai respirato troppi fumi di drago” arriva il maggiordomo Dothraki – che due minuti prima stava ad Alto Giardino pure lui – “Khaleesi questo tizio dice di conoscerti”. Questo tizio, è Jorah l’Andalo, che per dimostrare di conoscerla davvero la prima cosa che fa, taaac, si inginocchia. Daenerys è contenta e si commuove, Jorah è un po’ incazzato perché come la lascia sola cinque o sei episodi la trova con un uomo.

Voto 7 al coraggio di Jon
Voto 7 all’incontro tra Jorah e Danerys
Voto 4 al teletrasporto

Quelli che il teletrasporto non lo sanno usare sono gli Estranei che stanno appena dieci passi più avanti di dove stavano all’inizio della stagione. Bran ormai controlla più animali insieme, e mentre sta dentro uno stormo di corvi il Re della notte, chiamato così perché da giovane faceva le serate a Forte dei Marmi, lo vede e gli urla “Tana!”
Intanto ai maestri della Cittadella è già arrivato il corvo con la notizia che gli Estranei avanzano – capisco la fretta di concentrare gli eventi in meno episodi, ma così si esagera – comunque i maestri si fanno una risata, e a nulla serve il supporto di Sam che spiega che Bran ha qualità insolite, lo prendono per il culo, e non gli dicono nemmeno che padre e fratello sono morti.

Voto 4 ai Maestri della Cittadella, che in fondo, sono solo un circolo di pensionati.

Arriva un Corvo pure a Roccia del Drago, è per Jon. Reca notizie felici: Arya e Bran sono vivi e sono a Grande Inverno, ma poi c’è sta cosa che Bran è diventato il Grande Fratello e ha visto gli Estranei marciare verso il Forte Orientale. Tyrion tira fuori la genialata: “mandiamo un non morto a Cersei” lui in realtà voleva fa il simpatico, ma subito tutti lo prendono sul serio e Jorah: “vado io” e Jon “vengo pure io”.

Voto 6 perché tutti vogliono fare bella figura con la bionda

A Grande Inverno, Arya, dopo essere stata anni lontano dai fatti di regni e politica, vuole fare al lezioncina alla sorella su come si governa un castello e su come tenere a bada quei rompicoglioni dei Glover e dei Royce, gli Umber non scassano più il cazzo perché credo siano morti tutti. Il metodo Arya sarebbe ucciderli tutti. Sansa leggerissima mente spaventata la liquida con un cioddafà.

Voto 4 ad Arya in versione inopportuna tiranna
Voto 4 a Sansa che non ci sta a capì più niente

Davos e Tyrion su una barchetta a remi con propulsione nucleare sono già arrivati ad Approdo del Re. Tyrion incontra il fratello con la complicità di Bronn che già si sente un po’ Targaryen, per portargli la proposta di far avere a Cersei il non morto, e Jamie pur confidandogli che una volta aveva detto che se l’avesse rivisto l’avrebbe tagliato in due, in fondo ha ancora affetto per il fratello, e lo ascolta. Davos invece va alla strada dell’acciaio e al primo colpo ritrova Gendry, il figlio bastardo di Re Robert e gli riassume il pensiero di tutti: “pensavo stessi ancora remando”. Gendry segue Davos senza esitare, giusto il tempo di prendere il suo martello. Il martello era l’arma che usava Robert Baratheon prima che gli crescesse la panza. Che cosa romantica. I due arrivati sulla spiaggia vengono fermati dalla dogana e Davos si inventa una storia sui gamberetti che sarebbero come il viagra. La faccenda si mette male all’arrivo di Tyrion, le guardie lo riconoscono, e Gendry che sembra sotto cocaina gli frantuma la faccia con una martellata a testa.

Voto 7 a Gendry che a forza di remare adesso usa quel martello come fosse carta pesta

Jamie va a portare la proposta di tregua a Cersei che pur non credendo alla storia dei non morti, accetta, come avrebbe fatto il padre per guadagnare una posizione di vantaggio e al momento giusto, metterglielo in quel posto. A proposito di metterlo in alcuni posti, Cersei rivela a Jamie di aspettare un figlio, che se nell’anno 2017 dopo l’avvento di Aegon vogliamo ancora credere alle profezie, è una cazzata. La zingara, quando la Regina in tenera età andò a trovarla nei boschi, le predisse che avrebbe avuto solo tre figli, che sarebbero stati Re e Principesse e che sarebbero morti. Quindi Jamie attento, ti sta coglionando.

Voto 4 a Jamie. Nonostante Cersei sia chiaramente fuori di testa lui la ama troppo

Davos durante il viaggio di ritorno a Roccia del Drago, ha spiegato a Gendry che sarebbe preferibile tenere nascosta la sua vera identità. Ma siccome il viaggio è durato il tempo che io ci ho messo per prendere l’acqua in frigo, al ragazzo il concetto non era chiaro, e infatti appena vede Jon “Sono il figlio bastardo di Robert”. Io mi impressiono facilmente, ma mi è sembrato che lo scambio di battute tra i due, ricordi molto quello avvenuto tra Robert e Ned nel primo episodio della prima stagione quando il Re arriva a Grande Inverno.

Voto 5 a Gendry per come segue le indicazioni
Voto 7 alla scena per la capacità di rievocazione

C’è una parte di saluti sulla spiaggia di Roccia del Drago ma la tralasciamo. Alla Cittadella invece, Gilly fa progressi nella lettura, e tra tutte le cagate che ha scritto in quel libro l’Alto Septon Maynard – nel senso che questo si segnava pure quando andava in bagno – c’è un passaggio che dice che il Septon “ha annullato un matrimonio al Principe Rhaegar, e poi l’ha sposato con una di Dorne”. Lo so, bisogna essere un po’ malati per collegare la cosa al primo colpo, e infatti in pochi hanno dato il giusto peso a quelle parole, se voi non siete tra questi, ve lo dico io: Rhaegar e Lyanna erano sposati prima che lui si sposasse con Elia Martell. Questo significa in parole spicciole, che Jon non è bastardo, e quindi non solo è Targaryen non contraffatto, ma è il primo nella linea di successione al Trono di Spade.

Voto 9 a Gilly che inconsapevolmente potrebbe cambiare le sorti del gioco del trono
Voto 4 a Sam perché non se la caga di striscio
Voto 7 allo stesso Sam perché un minuto dopo ruba tutti i libri che può e scompare con Gilly e il bambino nella notte

A Grande Inverno c’è Ditocorto che oltre a generare in me un odio viscerale, è capace di parlare una puntata intera senza che si riesca a sentire una sola parola di quello che dice, ma anche di quello che gli viene detto. Arya lo segue come un’ombra senza farsi vedere, ma quel bastardo ha organizzato tutto in modo che lei lo vedesse, e trovasse il messaggio accuratamente nascosto sotto il materasso come faceva mia nonna, per metterla contro la sorella. Il messaggio è presumibilmente quella che Sansa fu costretta a spedire a Robb appena dopo che Ned Stark fu accusato di tradimento e diceva così “Robb, I write to you with a heavy heart. Our good king Robert is dead, killed from wounds he took in a boar hunt. Father has been charged with treason. He conspired with Robert’s brothers against my beloved Joffrey and tried to steal his throne. The Lannisters are treating me very well and provide me with every comfort. I beg you: come to King’s Landing, swear fealty to King Joffrey and prevent any strife between the great houses of Lannister and Stark” in buona sostanza che il padre era un traditore e gli chiedeva di giurare fedeltà a Joffrey. Speriamo che Baelish muoia male il più presto possibile, ma Arya è davvero così ingenua?

Voto 7 alle strategie di Ditocorto
Voto 3 ad Arya, è troppo sicura di sé ma invece è solo una bambina stupida

Jon e gli altri malcapitati sono arrivati al Forte Orientale, dove Tormund è incazzato per l’idea di andare oltre la barriera, e incazzatissimo perché non vede Brienne da tempo. Prigionieri nel forte ci sono il Mastino e i suoi amici della Fratellanza senza vessilli che si uniscono gioiosamente alla spedizione a nord. La nuova Compagnia dell’anello, solo che stavolta l’anello non c’è, e anche se la squadra è ben assortita, la probabilità di non tornare indietro è molto alta.